Regolamento di Istituto

Articolo 1 – Orario

  1. L’orario delle lezioni è dalle ore 8.30 alle ore 13.00 tutti i giorni e dalle ore 14.30 alle ore 16.30 nei giorni di rientro e doposcuola. Si chiede il rispetto degli orari stabiliti.
  2. L’orario di entrata dei bambini/e deve essere rispettato per consentire il regolare inizio delle lezioni.
  3. Per gli alunni/e i cui genitori abbiano necessità, è stato istituito un servizio di prescuola (dalle ore 7.30 alle ore 8.25) gestito dalla Scuola.
  4. Eventuali entrate posticipate o uscite anticipate dovranno essere comunicate anticipatamente con regolare richiesta di permesso. La segreteria della scuola fornisce i moduli di richiesta permesso/delega da esibire in caso di ingressi posticipati, uscite anticipate, ritardi o deleghe a persone autorizzate al ritiro dei bambini/e. Sarà cura delle famiglie fare fotocopia per poter usufruire di più permessi durante l’anno. I permessi devono essere firmati dal genitore; non si accettano richieste di permesso attraverso comunicazioni telefoniche, scritte sul diario, e-mail.
  5. Per permettere il regolare svolgimento delle attività di mensa e ricreazione, dalle ore 13.00 alle ore 14.20 la Scuola rimane chiusa, per ogni comunicazione urgente resterà attivo il telefono della segreteria.

 

Articolo  2 – Ingresso

  1. L’ingresso degli alunni/e a scuola avviene nei cinque minuti che precedono l’inizio delle lezioni. I genitori salutano i figli/e davanti al portone, senza entrare.
  2. La porta della scuola si chiude alle ore 8.30. Chiediamo la puntualità per permettere lo svolgimento in tempo tranquillo della preghiera del mattino ed un regolare inizio delle lezioni, senza disturbi.
  3. I bambini/e che si presentano a scuola dopo l’inizio delle lezioni sono accolti dalla collaboratrice scolastica e presenteranno giustificazione sull’apposito modulo di permesso. Ai genitori non è permesso entrare in aula ma i bambini saranno accompagnati dalla collaboratrice scolastica.
  4. L’ingresso pomeridiano riservato agli alunni/e che non usufruiscono della mensa scolastica avviene nei dieci minuti che precedono l’orario d’inizio delle lezioni.

 

Articolo 3 – Materiale scolastico e oggetti personali

  1. I libri scolastici sono definiti dal Collegio docenti e verranno forniti dalla scuola appena disponibili, su finanziamento dello Stato. Per coloro che dovessero inserirsi nella scuola in corso d’anno non sarà possibile avere i libri scolastici gratuitamente. Potrebbe essere richiesto ai genitori di acquistare eserciziari ad integrazione dei sussidi scolastici.
  2. Ciascun insegnante fornirà ai genitori un elenco del materiale scolastico necessario per le attività dell’anno.
  3. Gli alunni/e devono presentarsi alle lezioni provvisti della merenda e del materiale scolastico necessario, evitandone la consegna da parte delle famiglie ai collaboratori scolastici dopo l’ingresso, al fine di non creare occasioni di disturbo alle lezioni.
  4. Quando un bambino/a è sprovvisto di materiale, l’insegnante provvede a farlo lavorare in classe per quanto possibile; il resto dovrà essere recuperato a casa.
  5. Le maestre provvederanno a fornire tutte le indicazioni necessarie allo svolgimento dei compiti assegnati a casa. In caso di assenza, è responsabilità della famiglia informarsi presso altri compagni, circa il lavoro svolto e i compiti assegnati. Eventuali schede possono essere ritirate alla fine delle lezioni, all’ingresso della scuola.
  6. Per le attività artistiche e manuali si può portare a scuola un grembiule o maglietta larga, che verrà lasciato/a a scuola e riconsegnato in caso di bisogno.
  7. Nei giorni di attività motoria i bambini devono indossare una tuta da ginnastica e portare le scarpette e calze di ricambio.

 

Articolo 4 – Ricreazione

La ricreazione si effettua dalle ore 10.40 alle ore 10.55 ed avviene sotto la sorveglianza di tutte le insegnanti. La collaboratrice scolastica effettua un’accurata vigilanza nei corridoi e nei bagni.

 

Articolo 5 – Uscita

  1. Gli alunni/e, in quanto minori, possono lasciare l’edificio scolastico solo se ritirati da un genitore o da un adulto delegato, pertanto non possono uscire da soli né accompagnati da un altro minore.
  2. Se l’alunno/a viene ritirato da un adulto, che non sia il genitore o chi da lui formalmente delegato a inizio anno, con delega scritta da depositare in segreteria, è necessaria la delega giornaliera scritta e firmata da entrambi i genitori, da consegnare all’ausiliaria entro l’orario di uscita.
  3. Entrambi i genitori, in caso di motivata necessità, potranno richiedere che i bambini o le bambine di quinta possano uscire dalla scuola al termine delle lezioni, in autonomia, rilasciando specifica ed espressa dichiarazione a firma di entrambi i genitori di sgravio e manleva della scuola da ogni responsabilità.
  4. I genitori sono invitati a segnalare all’insegnante l’avvenuto ritiro del bambino o bambina.
  5. I genitori, salvo necessità straordinarie, nel momento della consegna dei bambini e bambine non devono richiedere colloqui agli insegnanti, se non quando abbia terminato la consegna di tutti i bambini/e.
  6. Al fine di evitare intralci e ingorghi nelle scale e nell’atrio della scuola, i genitori sono invitati ad aspettare i bambini/e all’esterno, anche in caso di maltempo.

 

Articolo 6 – Mensa

  1. L’accesso alla mensa avviene tramite richiesta delle famiglie, che va presentata su apposito modulo all’inizio dell’anno scolastico.
  2. L’adesione al servizio avviene versando il contributo previsto dall’Ente gestore nelle modalità da esso indicate.
  3. Non possono essere introdotti alimenti diversi da quelli forniti dalla ditta di ristorazione per motivi di sicurezza.
  4. In caso di intolleranze alimentari e allergie è necessario presentare un certificato medico con l’indicazione specifica degli alimenti non tollerati e di quelli tollerati per la richiesta di corrispondente dieta apposita.
  5. Non è possibile recuperare i giorni di mensa persi a motivo di assenze di qualsiasi genere.

 

Articolo 7 – Tempo gioco pomeridiano

  1. Dalle ore 13.30 alle ore 14.20 c’è un tempo dedicato al gioco e al relax che avviene sotto la sorveglianza delle educatrici del doposcuola, volontari e ragazzi/e in servizio civile.
  2. I luoghi dove si può svolgere il gioco pomeridiano sono i campi da gioco parrocchiali o gli ambienti scolastici a seconda delle condizioni metereologiche.

 

Articolo 8 – Sostegno nei compiti e attività organizzata dal centro parrocchiale

  1. Ogni giorno dalle 14.30 alle 16.30 la scuola organizza uno spazio gestito da educatrici in cui poter svolger i compiti per casa. Il doposcuola è un momento educativo in cui i bambini e le bambine potranno studiare con il sostegno delle educatrici. Questo servizio non propone attività di recupero personalizzato ma attività in piccolo gruppo.
  2. In relazione alle tante opportunità di attività per i bambini e le bambine che sono offerte dalle diverse organizzazioni operanti all’interno del centro parrocchiale, nel caso in cui entrambi i genitori chiedano che, al termine del doposcuola, l’educatrice provveda all’accompagnamento e all’affidamento del bambino o della bambina al responsabile dell’attività eventualmente prescelta, è necessaria la compilazione di un modulo, da parte di entrambi i genitori, che espressamente sollevi la scuola da ogni responsabilità di custodia dei bimbi e delle bimbe successivamente all’anzidetto affidamento alle varie realtà presenti (catechismo, Audace, Oratorio, ecc.).

 

Articolo 9 – Servizi integrativi

  1. E’ facoltà della scuola non accettare l’iscrizione ai servizi integrativi o sospenderne la partecipazione, anche solo per un periodo, qualora la Coordinatrice delle attività educative e didattiche ritenesse che il servizio non sia idoneo al bambino/a, allo scopo di consentirne una fruizione serena per tutti i soggetti coinvolti.

 

Articolo 10 – Indisposizioni e malattie alunni

  1. Gli operatori della Scuola provvederanno ad avvisare tempestivamente i familiari dell’alunno/a che presenta un malessere acuto.
  2. Nel caso di malori più gravi o di infortuni, se ritenuto necessario dal personale responsabile, si provvederà anche ad attivare il servizio di emergenza. Chiederemo inoltre l’intervento immediato di un famigliare.
  3. In relazione alla Legge Comunitaria 2015, la Regione Emilia Romagna ha assunto il provvedimento per cui gli alunni/e assenti per più di cinque giorni non dovranno più presentare il certificato del medico curante per essere riammessi a scuola.
  4. In conformità alla suddetta normativa sanitaria, gli alunni/e rimasti assenti a causa delle seguenti malattie: salmonellosi, epatite virale, tigna, scabbia o altre previste dalla normativa, saranno riammessi a scuola solo con certificato del Servizio di Igiene e Profilassi Malattie Infettive dell’Ufficio di Igiene dell’ASL (Pediatra di Comunità).
  5. Qualora un bambino/a subisse l’infestazione del cuoio cappelluto causata dai pidocchi non è necessario presentare il certificato di avvenuto trattamento, ma è bene recarsi dal proprio pediatra che provvederà a darne comunicazione all’Asl che avviserà la Scuola frequentata nei termini della riservatezza dei dati personali.
  6. Per le assenze programmate dai genitori (es. settimana bianca, motivi familiari) vanno comunicate preventivamente per iscritto alla scuola.

 

Articolo 11 – Somministrazione di medicinali

A scuola non possono essere somministrati medicinali. Solo nel caso in cui la medicina debba essere assunta in fasce orarie tali da non poterla prendere a casa, i genitori saranno autorizzati ad entrare nella scuola per la somministrazione del farmaco. Il personale scolastico può essere autorizzato dal medico curante alla somministrazione. In tali casi occorre presentare:

  1. A) richiesta scritta, da parte della famiglia o chi esercita la potestà genitoriale, nella quale sia specificato che si solleva l’operatore della scuola da responsabilità derivanti da eventuali incidenti che si verifichino nonostante la corretta somministrazione del farmaco.
  2. B) certificato del Pediatra di Famiglia con specificazione delle dosi, degli orari di somministrazione e dichiarazione di assoluta necessità.
  3. C) autorizzazione scritta del Pediatra di Comunità della sede di competenza.

 

Articolo 12 – Rapporti con le famiglie

  1. La scuola prevede 5 momenti di incontro con i genitori, 1 assemblea di Istituto per la presentazione del Piano dell’Offerta formativa, 1 per colloqui individuali, 1 assemblea di classe e 2 per la consegna del Documento di Valutazione. Inoltre potranno essere proposti incontri di sensibilizzazione su tematiche educative, momenti di formazione e riflessione, eventi e saggi finali ai quali è richiesta la partecipazione per favorire la crescita dell’alleanza Scuola-Famiglia.
  2. In caso di necessità è possibile chiedere un incontro con l’insegnante di riferimento o con la coordinatrice didattica. I colloqui personali con l’insegnante potranno essere richiesti con scritta sul diario. I colloqui con la coordinatrice didattica andranno richiesti attraverso e-mail.
  3. Per quanto riguarda il ritiro del Documento di Valutazione, i genitori che non abbiano la possibilità di recarsi a scuola nel giorno prestabilito potranno delegare un’altra persona, che dovrà presentarsi munita di delega scritta accompagnata da una fotocopia del proprio documento di identità. Diversamente, il genitore dovrà ritirare la pagella presso la segreteria della scuola previo appuntamento con la segreteria.
  4. Durante i colloqui con i genitori è preferibile che i figli/e non siano presenti.
  5. Si chiede di leggere con attenzione e firmare per presa visione o autorizzazione, se necessario, tutte le comunicazioni date dalla scuola; i genitori sono invitati a compilare e firmare tempestivamente le autorizzazioni per le uscite, tutta la modulistica in generale, e a far pervenire le quote richieste entro il termine definito.
  6. Eventuali danni riscontrati alle attrezzature scolastiche da parte di un bambino/a verranno risarciti dal genitore del responsabile. Qualora questi non venga individuato, il risarcimento sarà effettuato in modo collettivo da tutti gli appartenenti alla classe di riferimento.
  7. Per recuperare quaderni, libri o altro materiale dimenticato a scuola i genitori dovranno fare richiesta alla collaboratrice scolastica, essendo vietato accedere ai locali della scuola in assenza dell’insegnante.

 

Articolo 13 – Sicurezza

  1. La scuola dispone di un piano di emergenza per l’uscita rapida dall’edificio in caso di calamità. Gli alunni/e riceveranno apposite istruzioni e nel corso dell’anno scolastico saranno effettuate prove di evacuazione.
  2. Le famiglie devono comunicare alla scuola tutti i possibili recapiti telefonici da contattare in caso di emergenza o necessità.
  3. Al momento dell’iscrizione i genitori dovranno firmare il modulo che autorizza la scuola alla gestione dei dati sulla privacy.

 

Articolo 14 – Cambio scuola

In caso la famiglia, per qualunque motivo personale decidesse di trasferire in altra scuola il proprio figlio o figlia dovrà chiedere un colloquio alla coordinatrice didattica e successivamente fare richiesta scritta alla scuola firmata da entrambi i genitori, la quale provvederà al rilascio del necessario nulla osta entro 5 giorni lavorativi.

 

Articolo 15 – Chiusura della scuola per ordinanza

In caso di ordinanza di chiusura delle scuole si consiglia di seguire i comunicati emanati anche attraverso i media e i social network dall’amministrazione preposta.

Sarà comunque premura della segreteria della scuola avvisare i rappresentanti dei genitori che si faranno portavoce nei confronti degli altri genitori.

Versione approvata dal Consiglio di Istituto 8 novembre 2017

 

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>